Blog

Sicurezza o controllo?

Quella volta, era metà settembre,  mi  resi conto che involontariamente i miei colleghi, i miei competitor, i nostri clienti e soprattutto io, stavamo esagerando!

Tornai a casa dopo un’interminabile giornata di lavoro e non vedevo l’ora di cenare e stravaccarmi sul divano. Mentre rientravo pensavo alle mie figlie che mi aspettavano e che mi avrebbero raccontato di quel nuovo primo giorno di scuola.

Ma non andò come me l’ero immaginata, tutt’altro!

Aprii la porta di casa, mi venne incontro la più grande (oggi 16 anni) e senza neppure salutare mi disse: non pensavo arrivassi a tanto, papà! La scuola è piena delle tue maledette telecamere e dei tuoi cartelli di videosorveglianza. Complimenti, con la scusa del lavoro, mi controlli, l’ho capito, grazie per la fiducia! Da te non me lo aspettavo!

Da quel giorno si è insinuato il dubbio : tutte queste telecamere ci fanno sentire più sicuri o siamo solo più controllati ? Benché sia parte fondamentale del mio lavoro e del mio modo di guadagnarmi da vivere ho cominciato a pensare che la sicurezza è un conto, il controllo continuo degli altri è tutt’ altra cosa.

E voi, come la pensate ?

O’ mast

 

P.S.  nel prossimo articolo vi racconterò perché mi hanno affibbiato questo epiteto (o’mast)….

È un termine impegnativo e non sempre dai risvolti positivi come si potrebbe pensare, ma ve ne parlo la prossima volta

Lascia un Commento